Comune di Trento

SERVIZIO PATRIMONIO

                         

                                 Determinazione del Dirigente

                                 n. XXX data XXXX

                                 prot. n. _____________ /____

 

 

 

 

OGGETTO: XXXXXXXXXXXX. MODIFICA DELLA DESTINAZIONE D'USO DELLA P.ED. XXXX, P.M. X C.C. TRENTO. CONVENZIONE PER L'UTILIZZO DEI PARCHEGGI INTERRATI DI PIAZZA XXX.

==================================================================

 

(Il resto di questa pagina è intenzionalmente in bianco)


 

 

 

 

 

 

Comune di Trento

SERVIZIO PATRIMONIO

                         

 

 

OGGETTO:  XXXXXXXXXXXXXX. MODIFICA DELLA DESTINAZIONE D'USO DELLA P.ED. XXX, P.M. X C.C. TRENTO. CONVENZIO­NE PER L'UTILIZZO DEI PARCHEGGI INTERRATI DI PIAZZA XXX.

 


IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO

EDILIZIA PRIVATA

 

 

      premesso che in data XXXX, al n. XXXX di prot., la XXXXXXXXXXXXXX, con sede a XXXXXXXX ha presentato domanda di concessione edilizia per ottenere la modifica della destinazione d'uso della p. ed. XXX, p.m. X in C.C. Trento, da locale ad uso privato a pubblico esercizio (bar);

      visto che, allo scopo, è stato presentato progetto per la sistemazione interna della p. ed. XXX p.m. X in C.C. Trento, a firma dell'ing. XXXXXXXX, e costituito dai seguenti elaborati:

Tav.1: Pianta - stato di progetto

Tav.2: Pianta - Variante

Tav.3: Pianta - Raffronto

      atteso che la citata p.ed. è costituita da un locale situato a Trento in via del XXXXXXX, utilizzato per il passato da un circolo ricreativo riservato ai soci denominato XXXXXXXX" e non aperto al pubblico;

      considerato che in sede istruttoria si è rilevato che la nuova destinazione richiesta non è dotata dei parcheggi necessari a rispettare lo standard previsto dall'art. 73 della L.P. 22/1991 e alla deliberazione della Giunta provinciale n. 1559/1992 e che l'edificio non dispone di aree pertinenziali a ciò utilizzabili, in considerazione della zona urbanistica in cui è situato - zona Acc/città consolidata - densamente edificata;

      rilevato peraltro che con deliberazione della Giunta Provinciale n. 1534 del 16 giugno 2000, nel disciplinare gli spazi a parcheggio di cui all'art. 73 della L.P. 05.09.1991 n. 22, è stato espressamente previsto che "l'utilizzo di un medesimo parcheggio da parte di attività funzionalmente diverse è ammesso purché effettuato con orari debitamente diversificati e certificati da idonea garanzia di natura contrattuale fra le parti interessate";

      verificato che la XXXXXXXXXXXX ha inteso reperire i posti necessari, in abbonamento esclusivo, nel parcheggio interrato di piazza XXXXXXX, da cui il nuovo esercizio pubblico dista circa 100 metri;

      atteso che fra il Comune di Trento e la Società che gestisce il parcheggio interrato di piazza XXXX, oggi XXXXXXXXXX con sede in XXXX, vige una convenzione stipulata il XXXX n. XXX di rep., disciplinante la concessione di costruzione e di esercizio dell'autoparcheggio a pagamento con custodia;

      considerato che tale convenzione dà ampia facoltà alla Società concessionaria, secondo le modalità stabilite dagli artt. 21 e seguenti, di gestione ed esercizio del parcheggio, tra l'altro disponendo, all'art. 22, che la concessione costituisce titolo per la concessionaria all'esclusivo possesso dell'immobile, con autorizzazione a compiere ogni atto di disposizione ammesso nei limiti della convenzione;

      preso atto che, in particolare, l'art. 24 della citata convenzione disciplina le modalità di messa a disposizione del pubblico, non ponendo in particolare limiti al numero dei parcheggi che possono essere concessi in abbonamento esclusivo;

      verificato che, tuttavia, la citata convenzione tra il Comune di Trento e la XXXXXXXXXX prevede, allo stesso art. 24, che gli abbonamenti possano essere concessi solo per l'uso del parcheggio nelle ore notturne, ossia dalle ore 20 di sera alle ore 8 del mattino;

      considerato che, pertanto, ai sensi della citata deliberazione della Giunta Provinciale n. 1534 del 16 giugno 2000, è necessario procedere alla stesura di una convenzione che definisca tempi, modalità e condizioni d'apertura dell'esercizio pubblico, in funzione dei tempi e delle modalità di disponibilità dei posti macchina presso il parcheggio di Piazza XXXX, nonché definisca idonee garanzie per gli adempimenti previsti nella convenzione;

      esaminato lo schema di convenzione predisposto dal Servizio Edilizia Privata e che costituisce presupposto indispensabile per il rilascio dell'autorizzazione edilizia di modifica della destinazione d'uso e della autorizzazione all'esercizio di somministrazione di alimenti e bevande;

      considerato che, in particolare, con la convenzione si dispone che il venire meno, per qualsiasi causa, della disponibilità dei parcheggi asserviti fa venire meno i presupposti per l'apertura del pubblico esercizio e che ove si verifichi tale evenienza la XXXXX si impegna e obbliga a sospendere immediatamente l'attività di somministrazione di alimenti e bevande;

      ritenuto che tali condizioni soddisfino la "idonea garanzia di natura contrattuale" richiesta dalle intervenute disposizioni provinciali per assentire l'utilizzo del parcheggio ai fini del rispetto dello standard ex art. 73 della L.P. 22/1991;

      atteso che lo schema di convenzione in parola ha ottenuto il parere favorevole della Commissione Edilizia nella seduta del XXXX al n. XX del verbale;

      richiamata la deliberazione della Giunta comunale di data XXXX n. XXX, esecutiva, con la quale tra l'altro è stato deciso di:

1. approvare il Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) per l'esercizio 2001 con cui vengono determinati gli obiettivi di gestione ed affidate le risorse finanziarie e strumentali necessarie ai Dirigenti dei Centri di Responsabilità come rappresentato dal documento, in due volumi;

2. di dare atto che l'assegnazione degli obiettivi e delle risorse viene effettuata sulla base dei risultati della concertazione con i singoli Dirigenti dei Centri di responsabilità e che la relativa sottoscrizione vale quale conferma della regolarità tecnico - amministrativa e della fattibilità;

3. assegnare sulla base dell'articolazione del P.E.G.:

a) la responsabilità di tipo economico al Dirigente responsabile del centro di costo a cui compete il conseguimento complessivo degli obiettivi assegnati e la verifica dell'utilizzo efficiente ed efficace di tutti i fattori produttivi valorizzati nella spesa, nonché l'adozione delle determinazioni  a contrarre;

b) la responsabilità di tipo finanziario al Dirigente responsabile del centro di costo gestore, in quanto legata allo svolgimento delle attività di supporto, compresa l'adozione delle determinazioni a contrarre, l'adozione e l'attuazione dei provvedimenti connessi alle fasi della spesa, quali l'impegno e la liquidazione sulla base dei rispettivi stanziamenti di spesa necessari come riportato nel prospetto riepilogativo accluso al volume II del P.E.G.;

      visti:

-      la L.P. 05.09.1991 n. 22;

-      la L.R. 01/1993 e ss. mm. e ii.;

-      lo Statuto comunale approvato e da ultimo modificato rispettivamente con deliberazioni consiliari 09.03.1994 n. 25 e 21.03.1995 n. 50;

-      il T.U.L.L.R.OC. approvato con D.P.G.R. 28.05.1999 n. 4/L, in particolare l'articolo 12;

-      il Regolamento per la disciplina dei contratti approvato e da ultimo modificato rispettivamente con deliberazioni consiliari 03.11.1994 n. 169 e 14.12.2000 n. 176;

-      il decreto sindacale n. XXX d.d. XXXX attributivo delle competenze dirigenziali;

      atteso che, ai sensi della citata deliberazione della Giunta comunale di data XXXXX n. XXX, esecutiva, il presente provvedimento rientra nelle proprie competenze;

 

d e t e r m i n a

 

1. di approvare lo schema di convenzione, da stipularsi in forma di scrittura privata, relativo all'utilizzo dei parcheggi interrati di piazza XXX a servizio della p.ed. XXX, p.m. X C.C. Trento, per il rispetto dello standard parcheggi di cui all'art. 73 della L.P. 22/1991, allegato n. 1, nel quale si richiama la presente che, firmato dal Dirigente, forma parte integrante ed essenziale;

2. di prendere atto che la stipula di tale convenzione costituisce condizione per autorizzare la modifica della destinazione d'uso della p.ed. XXX, p.m. X C.C. Trento, come da progetto a firma dell'ing. XXXX, costituito dagli elaborati elencati in premessa;

3. di dare atto che, ai sensi dell'art. 12 comma 3 del Regolamento per la disciplina dei contratti, provvederà alla stipulazione del contratto il sottoscritto, eventualmente sostituito, in caso di assenza o impedimento, dal Dirigente del Servizio Urbanistica;

4. di dare atto inoltre che, ai sensi dell'art. 14 comma 1 del vigente Regolamento per la disciplina dei contratti, spetterà al soggetto stipulante in rappresentanza del Comune completare il progetto di contratto di cui al presente provvedimento con gli elementi negoziali accidentali in accordo con il contraente privato;

5. di indicare quale responsabile del procedimento e quindi della gestione del contratto ai sensi dell'art. 16, comma 3 lettera h) del Regolamento per la disciplina dei contratti, il sottoscritto Dirigente.

 

 

 

Trento, addì XXXX

 

 

             IL DIRIGENTE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA